COSMETICI PER BAMBINI

Il bambino non è un adulto in miniatura e la cura della sua pelle ha esigenze diverse da quelle dei grandi. Capirne la diversità è fondamentale per creare i presupposti, affinchè la sua pelle sia forte e sana durante lo sviluppo e rimanga tale fino all’età adulta. È proprio vero che “si nasce con la camicia”, quella che i medici chiamano “vernix caseosa”. Quando il feto è ancora nel grembo materno, infatti, la sua pelle e le sue ghiandole cutanee sono già perfettamente funzionanti. Addirittura l’epidermide ha uno strato in più, che si chiama periderma.

Questo strato superficiale di cellule cessa la sua funzione sostitutiva non appena la sottostante cute si è formata, e impastandosi con il grasso prodotto dalle ghiandole sebacee e dalla pelle stessa, dà luogo ad una sorta di crema che ricopre tutto il feto e che spesso è ben visibile sul neonato. La “camicia” nel giro di un paio di giorni scompare del tutto e da quel momento la pelle del bambino deve iniziare a difendersi da sola. È comunque già tutta formata con epidermide, derma, ghiandole sebacee e sudoripare e tutto è perfettamente funzionante. Alcuni sostengono che il sebo del neonato sia ancora troppo scarso e mancante di certi componenti, il che renderebbe la sua pelle ed il suo cuoio capelluto più sensibili all’azione di batteri e funghi. D’altra parte, c’è chi sostiene che proprio a causa della scarsità di sebo, la pelle del bambino è molto più liscia e morbida della nostra.

Ma perché l’epidermide infantile è la pelle più bella che si possa avere lungo la vita?

Le sue cellule sono attivissime e rinnovano ogni due o tre settimane lo strato corneo, evitando così che diventi ruvido o che vi si annidino batteri. Il derma sottostante è ricco di cellule, i fibroblasti, che producono collagene, elastina e una sostanza fondamentale amorfa, quest’ultina ricca di acido jaluronico.
L’acido jaluronico è una grossa molecola di natura zuccherina, che trattiene molta acqua e pertanto rende turgida la pelle. Le ghiandole sudoripare endocrine funzionano già perfettamente, regolando la temperatura corporea. Le ghiandole sudoripare apocrine ( le vere colpevoli degli odori corporei ) si formano solo durante la pubertà, quindi la pelle del bambino non ha alcun cattivo odore. Le ghiandole sebacee funzionano pochissimo nel bambino, è per questo motivo che la sua pelle non è unta e non presenta follicoli dilatati o brufoli. Si può affermare che il bambino sviluppa problemi cutanei se la sua pelle non viene trattata adeguatamente: pertanto, se il pannolino non viene cambiato rapidamente, l’urina si alcalinizza producendo soluzioni ammoniacali che irritano la pelle. Ancora più irritante è il prolungato contatto con le feci, anch’esse alcaline, oltreché ricche di microrganismi. Anche l’eccessiva fasciatura è dannosa perché provoca sulla pelle l’intertrigine, vale a dire un’irritazione cutanea con infezione batterica e spesso, in mancanza di aerazione, anche la miliara rubra, ossia la sudamina, caratterizzata da vescicole rosse e pruriginose.

La cura della pelle del bambino: detersione delicata innanzitutto Nella detersione intervengono tre fattori: acqua, tensioattivi e schiuma. I tensioattivi possono essere non ionici (nessuna carica), anionici (con carica negativa), cationici (con carina positiva) e anfoteri ( con carica positiva e negativa). La schiuma ha soltanto un’azione meccanica. Tra i tensioattivi sono da preferire quelli non ionici che sono abbastanza delicati, a differenza di quelli più aggressivi che possono rimuovere il film idrolipidico, denaturare proteine ed enzimi e danneggiare le membrane cellulari.

Con quali mezzi dobbiamo provvedere alla pulizia e all’idratazione della pelle del nostro bambino?

I PAIDOCOSMETICI

Latte detergente:
vanno preferiti tipologie di latte detergenti con PH leggermente acido o neutro, contenenti monogliceridi, esteri del sorbitano, oli vegetali e glicerina.

Bagno schiuma:
il lauriletossisolfato è troppo forte per i bambini. Sono più indicati i solfo succinati, lipoproteine anfoteri e monogliceridipoliglicolici.

Shampoo:
lipoproteine, esteri del glucosio o del saccarosio con aggiunta di polipeptidi da collagene, proteine quaternizzate.

Oli detergenti:
eccellenti e delicati, sfruttano il concetto di detersione per affinità e sono a base di oli vegetali

Crema idratante:
crema 24h specifica per apportare e restituire alla pelle la giusta idratazione

Home Archive for category "COME SI COSTRUISCE"
© Analyticspa.com di My Cosmetic via D. Chiesa 15, 20023 Cerro Maggiore (MI) P.iva 12004520156 C.F MNZPTR76H08E514E